Come è cambiato il mercato del lavoro dopo il Jobs Act

Col Jobs Act i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti in modo netto, senza però un analogo aumento dei posti di lavoro. Questo dovrebbe comportare benefici su produttività e crescita. L’incognita è il comportamento dei datori di lavoro alla scadenza dei tre anni di decontribuzione.

di Tortuga | 21 gennaio 2016 | lavoce.info

http://www.lavoce.info/archives/39391/come-cambia-il-mercato-del-lavoro-dopo-il-jobs-act/

Il governo continua a sbandierare i successi del Jobs act, e addirittura la Cgil ha ammesso che punterebbe ad abolire solo alcuni punti del provvedimento e non la riforma del lavoro nella sua interezza. Tuttavia, sul fact-checking sulla legge c’è molta confusione. Quali aspetti del mondo del lavoro il Jobs act mira a cambiare? Quali sono i dati da considerare, i risultati da aspettarsi e le conclusioni da trarne?

Continue Reading

Fiano: «Si lavora per coinvolgere i disoccupati over 40»

I lavori da effettuare riguarderanno principalmente interventi di pulizia e tinteggiatura nei parchi giochi, nelle aree ciclo pedonali, sulle panchine e sui cestini in legno e sulle strade e le aree comunali

di Davide Padellaro  | 29 luglio 2015 | Il Risveglio

http://www.ilrisveglio-online.it/fiano/2015/07/29/fiano-%C2%ABsi-lavora-coinvolgere-i-disoccupati-over-40%C2%BB

È avvenuta sabato 25 luglio la presentazione del progetto “Fiano… Progetta-Lavora”, realizzato dall’associazione “Alp Over 40” in Continue Reading

“Specchio dei Tempi” de “La Stampa” – Le lettere del 5 luglio 2015

“Specchio dei Tempi” de “La Stampa” – Le lettere del 5 luglio 2015

«Come distruggere posti di lavoro» – «Ancora niente stipendio per gli standisti di un editore al Salone del Libro»

http://www.lastampa.it/2015/07/05/cronaca/rubriche/specchio-dei-tempi/le-lettere-del-luglio-aNEicfg1SyaxwMf9rOq5AP/pagina.html

Una lettrice scrive:

«Mi chiamo Simona, ho 45 anni e una famiglia. Fino a luglio 2015 avrò un lavoro… dopo non si sa. «Nel 2007, durante un tirocinio, ho Continue Reading

“Specchio dei Tempi” de “La Stampa” – 18/06/2015

“Specchio dei Tempi” de “La Stampa” – 18/06/2015

«Tutte le etnie sono sfruttate»

http://www.lastampa.it/2015/06/18/cronaca/rubriche/specchio-dei-tempi/le-lettere-del-giugno-jJrEWWeU1vxVapEzUWAcVK/pagina.html

Una lettrice scrive:

«Leggo su La Stampa del 25 maggio: “Rifugiati d’Italia. Grazie Italia, pianto pomodori e guadagno 2,30 euro all’ora”. Il nigeriano Balde Aalassane lavora nella piana di Borgo Mezzanone (Foggia), è uno schiavo ma non lo sa… «Mio figlio, italiano, lavora in Piemonte ed è un fortunato. Dopo anni senza lavoro, da un anno fa lo stalliere. Otto ore al giorno per 6 giorni (sabato e domenica compresi), giorno di riposo il lunedì, a 2,50 euro all’ora in nero. «Ecco perché è un fortunato nei confronti di Balde; guadagna 0,20 centesimi in più all’ora! «E nessuno, dico nessuno, è mai passato da lì per un controllo (ispettori lavoro, Inps, Inail o altro). «Il signor Balde si potrà consolare perché non è il solo sfruttato. E non è questione di pelle o di etnia».

SEGUE LA FIRMA