Precari, l’economista: “Sono la nuova classe esplosiva. Occorre redistribuire ricchezza con reddito di cittadinanza”

Precari, l’economista: “Sono la nuova classe esplosiva. Occorre redistribuire ricchezza con reddito di cittadinanza”

Per Guy Standing, sociologo e docente alla School of Oriental and African Studies, la flessibilità del lavoro è un cambio epocale e sta sconvolgendo la politica occidentale e spiazzando i sindacati. “Corbyn e Sanders seppelliranno la vecchia sinistra”
di Stefano Feltri | 3 marzo 2016 | Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/03/03/precari-leconomista-sono-la-nuova-classe-esplosiva-occorre-redistribuire-ricchezza-con-reddito-di-cittadinanza/2496586/

“Joann Rupert, un magnate con 8 miliardi di dollari di patrimonio personale, a una conferenza a Monaco ha Continua a leggere Precari, l’economista: “Sono la nuova classe esplosiva. Occorre redistribuire ricchezza con reddito di cittadinanza”

Il boom dei voucher: l’effetto Jobs act in Piemonte a un anno dal via della nuova legge

Il boom dei voucher: l’effetto Jobs act in Piemonte a un anno dal via della nuova legge.

Sono 71 mila i precari che hanno avuto un posto fisso

di Stefano Parola | 09 febbraio 2016 | Repubblica.it

http://torino.repubblica.it/cronaca/2016/02/09/news/il_boom_dei_voucher_l_effetto_jobs_act_in_piemonte_a_un_anno_dal_via_della_nuova_legge-133050191/

Una pioggia di voucher, contratti a termine più brevi di un tempo e circa 71 mila precari assunti a tempo indeterminato in più rispetto al 2014. Sono alcuni degli effetti che si notano nel mercato del lavoro torinese a un anno dall’arrivo del Jobs Act, un tema su cui la discussione è più aperta che mai. Si basa su alcuni dati diffusi dal sottosegretario al Lavoro Maurizio Cassano, chiesti dal deputato di Sel Giorgio Airaudo con un’interpellanza.
L’esponente del Governo ha iniziato a fornire una prima tranche di numeri, promettendo di integrarli in futuro. Dai dati, ha spiegato alla Camera, si nota «una progressiva flessione della durata media dei contratti in provincia, dagli 87 giorni del 2010 ai 68 giorni del 2015 e un’apprezzabile riduzione dei rapporti di lavoro a tempo determinato nel 2015, più evidente nella fascia di età intermedia 25-34 e 35-54 anni ». Poi il sottosegretario Cassano rileva un «incremento delle trasformazioni di contratto da tempo determinato a tempo indeterminato che nel periodo gennaio- settembre 2015 sono oltre 274 mila, contro poco più di 203 mila dello stesso periodo del 2014».
Airaudo affida l’analisi a Marta Fana, ricercatrice oggi a Parigi e già allieva del Collegio Carlo Alberto di Torino, che spiega: «Purtroppo la risposta è parziale, mancano i dati sui contratti a tempo indeterminato e sulle cessazioni per poter analizzare davvero gli effetti della riforma del lavoro». Ma i numeri danno comunque un quadro piuttosto negativo: «Le trasformazioni in contratti a tempo indeterminato diminuiscono molto per gli under 34 se si fa il paragone con il 2012, anno in cui quest’area era ancora in piena crisi». In effetti dalle tabelle fornite dal ministero si nota che nel Torinese nei primi nove mesi del 2015 sono stati poco più di 118 mila i precari che hanno raggiunto il posto fisso, mentre sempre nello stesso periodo erano più di 120 mila nel 2012, 99 mila nel 2013 e quasi 88 mila nel 2014.
La ricercatrice nota poi un «divario tra chi ha meno di 25 anni e chi ne ha più di 55 sulla durata dei contratti a termine: tra gennaio e settembre dell’anno scorso, il 26 per cento delle assunzioni rivolte ad under 25 ha avuto una durata compresa tra uno e due giorni». Il tutto in una regione che, sempre secondo i dati forniti dal sottosegretario Cassano, a fine 2014 registrava ancora una percentuale di disoccupazione giovanile del 49,9 per cento.
A questo si aggiunge poi quella che Marta Fana chiama «l’esplosione dei voucher». Nel 2014 hanno riguardato 33 mila lavoratori, più del quintuplo rispetto al 2010, per un totale di 2,5 milioni “tagliandi” (erano 450 mila cinque anni fa): «Significa che ogni persona ne ha ricevuti in media 66 nell’arco di un anno. È una quantità di lavoro che rasenta lo stato di disoccupazione», sottolinea la ricercatrice. Dai dati Inps emerge come il fenomeno sia ancora più intenso nei primi 11 mesi del 2015: in Piemonte il numero di voucher venduti è salito del 62 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Insomma, dai numeri forniti dal ministero emerge una Torino ancora indebolita dalla crisi. Ecco perché, dice Giorgio Airaudo indossando i panni dil candidato sindaco per la lista “ Torino in Comune”, «il tema del lavoro continuerà
a essere una priorità e occorre che gli enti locali diano un contributo attivo nel creare occasioni di impiego». Nella sua agenda ci sono almeno due azioni che vanno in questo senso: «Negli appalti del Comune bisogna garantire quote di assunzioni a giovani e ultracinquantenni e assicurare che gli stipendi dei lavoratori rispettino i minimi contrattuali. Non possono essere gli stessi enti locali a creare lavoro povero».

Voucher, il lavoro ai saldi di fine stagione

Voucher, il lavoro ai saldi di fine stagione

di Stefania Mangione – Area pro labour | 23 dicembre 2015 | Il Fatto Quotidiano.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/23/voucher-il-lavoro-ai-saldi-di-fine-stagione/2326837/

Nato con le finalità di riemersione del lavoro irregolare in ambiti in cui risultava diffuso (e comunque, a committenza familiare e non Continua a leggere Voucher, il lavoro ai saldi di fine stagione

Jobs act e l’annunciata ma (falsa) abolizione del precariato: il ‘lavoro intermittente’

Jobs act e l’annunciata ma (falsa) abolizione del precariato: il ‘lavoro intermittente’

precariato-630x328

di Nicola Coccia e Giovanni Furfari (Area pro labour) | 25 novembre 2015 | Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/25/jobs-act-e-lannunciata-ma-falsa-abolizione-del-precariato-il-lavoro-intermittente/2250517/

Nei proclami della vigilia il Jobs Act avrebbe perseguito il rilancio dell’occupazione attraverso uno scambio: la rinunzia alla tutela Continua a leggere Jobs act e l’annunciata ma (falsa) abolizione del precariato: il ‘lavoro intermittente’

Jobs Act, sussidi per la disoccupazione in ritardo. “Procedure da mettere a regime”

Jobs Act, sussidi per la disoccupazione in ritardo. “Procedure da mettere a regime”

Dal 15 luglio ad oggi su 430mila domande ricevute ne sono state evase solo 200mila. Tra di loro ci sono molti precari della scuola. A rallentare il processo è stato il passaggio dall’Aspi alla Naspi (Nuova prestazione di assicurazione sociale) entrato in vigore a maggio ma avviata a metà luglio.

di Alex Corlazzoli | 26 agosto 2015 | Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/26/jobs-act-sussidi-per-la-disoccupazione-in-ritardo-boeri-procedure-da-mettere-a-regime/1986479/

I pagamenti della disoccupazione tardano ad arrivare. Chi aspetta i soldi della Naspi (Nuova prestazione di assicurazione sociale), il Continua a leggere Jobs Act, sussidi per la disoccupazione in ritardo. “Procedure da mettere a regime”

Giovani: lavorare a Ferragosto? Meglio godersi le vacanze

Giovani: lavorare a Ferragosto? Meglio godersi le vacanze

di Amalia Signorelli | 12 agosto 2015 | Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/12/giovani-lavorare-a-ferragosto-meglio-godersi-le-vacanze/1953212/

Alcune notizie apparse sui giornali di agosto inducono perplessità. Operai occupati che si rifiutano di fare straordinari il giorno di Ferragosto; giovani disoccupati che accetterebbero un lavoro a patto che abbia inizio a settembre, perché “prima vogliono farsi le vacanze”. Continua a leggere Giovani: lavorare a Ferragosto? Meglio godersi le vacanze

Il popolo dei precari in pensione con 160 euro

Il popolo dei precari in pensione con 160 euro

L’Inps ha pubblicato il monitoraggio dei flussi di pensionamento da cui emerge che i parasubordinati sono la categoria più povera. Ecco perché Tito Boeri sarebbe favorevole all’introduzione di un contributo di solidarietà da parte dei pensionati di oggi a quelli di domani

di Gloria Riva | 29 Luglio 2015 | l’Espresso

http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/07/24/news/il-popolo-dei-precari-in-pensione-con-160-euro-1.222156?ref=HRBZ-1&refresh_ce Continua a leggere Il popolo dei precari in pensione con 160 euro

Buoni lavoro, Boeri: “Rischiano di essere la nuova frontiera del precariato”

Buoni lavoro, Boeri: “Rischiano di essere la nuova frontiera del precariato”

Il presidente dell’Inps ha evidenziato che i voucher sono un fenomeno da “guardare con grande attenzione” perché il loro incremento “può significare problemi futuri”. Il Jobs Act ha previsto un aumento da 5mila a 7mila euro del reddito massimo che ogni lavoratore può guadagnare con questi strumenti. L’anno scorso ne sono stati venduti 69,2 milioni, un aumento del 70% rispetto al 2013.

di F.Q. | 29 maggio 2015 | Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/29/buoni-lavoro-boeri-rischiano-di-diventare-la-nuova-frontiera-del-precariato/1729848/

I buoni lavoro per pagare le prestazioni occasionali, come quelle di badanti, collaboratori domesticigiardinieri o Continua a leggere Buoni lavoro, Boeri: “Rischiano di essere la nuova frontiera del precariato”

Dis-coll 2015, nuovi ammortizzatori sociali per i co.co.co e co.co.pro

Dis-coll 2015, nuovi ammortizzatori sociali per i co.co.co e co.co.pro

Hanno diritto all’assegno di disoccupazione gli iscritti alla gestione separata Inps che abbiano perso il lavoro quest’anno e versato almeno tre mesi di contributi. L’importo è pari al 75% del reddito medio mensile nel caso la cifra non superi i 1.195 euro. Sale (ma fino a un tetto massimo di 1.300 euro) se gli introiti erano superiori. La domanda va inoltrata per via telematica o cartacea, scaricando il modulo dal sito dell’istituto

di Stefano De Agostini | 28 aprile 2015 | Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/04/28/dis-coll-2015-nuovi-ammortizzatori-sociali-per-co-co-co-e-co-co-pro-disoccupati/1630936/

E’ finalmente possibile richiedere la Dis-coll, l’indennità di disoccupazione per co.co.co. e co.co.pro. prevista dal Jobs act. Il 27 Continua a leggere Dis-coll 2015, nuovi ammortizzatori sociali per i co.co.co e co.co.pro

I “diversamente stabilizzati” di Letta. Salva 10mila precari, ne mette a rischio 190mila

I “diversamente stabilizzati” di Letta. Salva 10mila precari, ne mette a rischio 190mila.

Governo e Parlamento approvano la più grande disdetta di contratti pubblici degli ultimi anni: combinando decreto stabilizzazione e blocchi della legge di stabilità rischiano di saltare 190mila posti in sanità, ricerca, enti locali. Guerra di numeri tra Ichino e i ricercatori: “Ne prendiamo 10mila, gli altri troveranno lavoro nel privato”. L’esperta di statistica (precaria): “Dati falsi, mi offro come sua badante”. Il comma paradosso: deroga di un anno per i precari delle Province, ma il governo vuole abolirle entro un mese.

di Thomas Mackinson | 5 Novembre 2013 – http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/05/diversamente-stabilizzati-di-letta-salva-10mila-precari-ne-mette-a-rischio-190mila/765704/ Continua a leggere I “diversamente stabilizzati” di Letta. Salva 10mila precari, ne mette a rischio 190mila